Cannabinoidi in medicina Parte 2: Dolore



Nel secondo di una serie di cinque articoli, Oxford Cannabinoid Technologies discuterà delle loro competenze sull'uso dei cannabinoidi in medicina

A seguito del primo articolo che ha discusso del trattamento del cancro, questo secondo articolo si concentrerà sull'uso dei cannabinoidi per trattare il dolore. I cannabinoidi sono molecole attive presenti nella pianta di cannabis e includono CBD e THC, due dei cannabinoidi più importanti attualmente in fase di studio.


Solo negli Stati Uniti, il numero di individui che soffrono di dolore cronico è vicino ai 100milioni ,

1 due terzi dei pazienti ritengono che i farmaci convenzionali non soddisfino i loro bisogni.

2 Più persone soffrono di dolore cronico rispetto a cancro, malattie cardiache e diabete combinati .

3 I pazienti usano la cannabis per trattare molteplici forme di dolore, con la cannabis dimostrano di affrontare meglio le componenti o le sensazioni del dolore neuropatico (duraturo o lancinante), meccanico (rigidità o dolore) e infiammatorio (acuto).


I recettori dei cannabinoidi sono compresi nel sistema nervoso centrale e periferico, nonché nelle cellule immunitarie. Dati preclinici, studi su modelli animali in vivo e un numero limitato di studi clinici su modelli di dolore acuto, neuropatico, cronico e tumorale suggeriscono che i recettori CB1 e CB2 svolgono un ruolo importante nell'elaborazione del dolore e che la modulazione del sistema endocannabinoide può alleviare il dolore . (4)


Tuttavia, studi clinici hanno anche dimostrato che una comprensione approfondita dell'interazione di vari cannabinoidi (ad esempio THC vs. CBD) e la loro specificità per le diverse condizioni di dolore, è essenziale per sviluppare farmaci antidolorifici mirati che possano aiutare i malati.


Un corpus crescente di ricerche suggerisce che gli ingredienti psicoattivi della cannabis possono migliorare gli effetti antidolorifici dei farmaci oppiacei, consentendo ai pazienti che usano la cannabis di assumere dosi più basse di farmaci oppiacei. La ricerca in JAMA Internal Medicine ha scoperto che i decessi associati all'uso di farmaci oppiacei sono diminuiti in 13 stati dopo l'introduzione delle leggi sulla cannabis medica. (6) Gli stati che hanno permesso ai pazienti di consumare cannabis medica hanno visto un calo del 24,8% dei casi di overdose da oppiacei rispetto ai sei anni precedenti.


Tuttavia, questi risultati sono stati successivamente messi in dubbio a seguito della pubblicazione di un recente articolo che suggerisce che le affermazioni secondo cui le leggi sulla cannabis terapeutica riducono i decessi correlati agli oppioidi dovrebbero essere accolte con cinismo. Il documento prosegue affermando che l'associazione tra questi due fattori non è valida quando viene analizzato un set di dati più ampio dal 2017.


Poiché la cannabis continua a sviluppare una forte presa nel mercato della gestione del dolore, è probabile che i cicli di miglioramento del prodotto accelerino quando la ricerca sui singoli cannabinoidi diventerà sufficientemente avanzata per consentire lo sviluppo di medicine più personalizzate.

Le attuali opzioni terapeutiche per i pazienti che soffrono di dolore sono limitate e consistono prevalentemente di oppiacei e farmaci antinfiammatori. Nel corso degli anni, è diventato chiaro che l'uso continuato di oppioidi ha raggiunto un punto di crisi nelle economie occidentali, con molti pazienti ora dipendenti da questi farmaci. Questo fatto, insieme al gran numero di pazienti che non reagiscono ai farmaci antidolorifici attualmente disponibili sul mercato, evidenzia la necessità di sviluppare metodi alternativi per trattamenti antidolorifici più sicuri e salubri.


Nelle linee guida redatte sui medicinali a base di cannabis pubblicate da NICE, è stata evidenziata l'importanza di raccogliere prove solide sulla sicurezza e l'efficacia a lungo termine della cannabis medica al fine di rimuovere le barriere che circondano la sua prescrizione. (18) Indagini rigorose e di alta qualità nell'uso dei cannabinoidi nel trattamento del dolore sono urgentemente richiesti, come consigliato dalla British Pain Society (19), affinché le politiche del governo relative all'uso della cannabis medica nel trattamento del dolore vengano riformate e questo, pertanto, rimane delle principali aree di interesse di Oxford Cannabinoid Technologies.


FONTI:

References

1 (2011) Institute of Medicine Report from the Committee on Advancing Pain Research, Care, and Education: Relieving Pain in America, A Blueprint for Transforming Prevention, Care, Education and Research. The National Academies Press. http://books.nap.edu/openbook.php?record_id=13172&page=1 2 A, Romero-Sandavol., et al. (2015) Peripherally restricted cannabinoids for the treatment of pain. Pharmacotherapy 35:917-925. 3 2017) American Academy of Pain Medicine AAPM Facts and Figures on Pain. Available from: http://www.painmed.org/patientcenter/facts_on_pain.aspx 4 Burston, JJ., et al. (2014) Endocannabinoid system and pain: an introduction. Proceedings of the Nutrition Society; Woodhams, SG., et al. (2015) The role of the endocannabinoid system in pain. Handbook of Experimental Pharmacology. 5 Alvarado-Vázquez, PA., et al. (2017) Cannabis and Cannabinoids for Chronic Pain. 5;19(11):67. 6 Bachhuber, MA., et al. (2014) Medical cannabis laws and opioid analgesic overdose mortality in the United States, 1999-2010. JAMA Intern Med 174(10):1668-73. 7 Shover, C., et al. (2019). Association between medical cannabis laws and opioid overdose mortality has reversed over time. Proceedings of the National Academy of Sciences, 12624-12626. 8 Pinsger, M., et al. (2006) Benefits of an add-on treatment with the synthetic cannabinomimetic nabilone on patients with chronic pain—a randomized controlled trial. Wien Klin Wochenschr (11-12):327-35. 9 Blake, DR., et al. (2006) Preliminary assessment of the efficacy, tolerability and safety of a cannabis-based medicine (Sativex) in the treatment of pain caused by rheumatoid arthritis. Rheumatology (Oxford) 1:50-2. 10 Abrams, DI., et al. (2007) Cannabis in painful HIV-associated sensory neuropathy: a randomized placebo-controlled trial. Neurology (7):515-21. 11 Pini, LA., et al. (2012) Nabilone for the treatment of medication overuse headache: results of a preliminary double-blind, active-controlled, randomized trial. J Headache Pain 8:677-84. 12 Naftali, T., et al. (2013) Cannabis induces a clinical response in patients with Crohn’s disease: A prospective placebo-controlled study. Clinical Gastroenterology and Hepatology 10:1276–1280. 13 Serpell M., et al. (2014). A double-blind, randomized, placebo-controlled, parallel group study of THC/CBD spray in peripheral neuropathic pain treatment. European Journal of Pain, 999-1012. 14 Yassin, M. (2018) Effect of adding medical cannabis to analgesic treatment in patients with low back pain related to fibromyalgia: an observational cross-over single centre study. Clin Exp Rheumatol. Jan-Feb;37 Suppl 116(1):13-20. 15 Wu, J. (2018) Cannabinoid Type 2 Receptor System Modulates Paclitaxel-Induced Microglial Dysregulation and Central Sensitization in Rats. Pain pii: S1526-5900(18)30791-0. 16 Riva, N., et al. (2018) Safety and efficacy of nabiximols on spasticity symptoms in patients with motor neuron disease (CANALS): a multicentre, double-blind, randomised, placebo-controlled, phase 2 trial. Lancet Neurol. 18(2):155-164. 17 De Gregorio, D., et al. (2019) Cannabidiol modulates serotonergic transmission and reverses both allodynia and anxiety-like behaviour in a model of neuropathic pain. Pain 1:136-150. 18 https://www.nice.org.uk/news/article/nice-draft-guidance-and-nhs-england-review-highlight-need-for-more-research-on-cannabis-based-medicinal-products 19 https://www.britishpainsociety.org/static/uploads/resources/files/BPS_Position_Statement_on_the_medicinal_use_of_cannabinoids_in_pain_management.pdf

40 visualizzazioni