Impatto del CBD sulla serotonina




Che cos'è la serotonina?


La serotonina, nota anche come 5-idrossitriptamina (5-HT), è un neurotrasmettitore (sostanza chimica del cervello) che regola i sentimenti di benessere e felicità. Tuttavia, è un composto poliedrico con diverse funzioni nel corpo umano.


Questo neurotrasmettitore è prodotto principalmente nel tratto gastrointestinale (90%) nelle cellule entero-cromaffiniche dove regola la motilità gastrointestinale. [1] Tuttavia, è anche presente nel sistema nervoso centrale nei neuroni serotoninergici dove contribuisce alla regolazione dell'umore, alla memoria, al sonno, alla cognizione, all'apprendimento, al vomito e alla vasocostrizione.


Mentre molte sostanze chimiche diverse influiscono sull'umore, quando la produzione di serotonina viene alterata, è probabile che una persona provi emozioni negative come depressione, ansia e insonnia.


In che modo il CBD influisce sulla serotonina?


Uno studio pubblicato su Neurochemical Research nel 2005 ha studiato il meccanismo attraverso il quale il cannabidiolo (CBD) interagisce con il sistema serotoninergico. Questo studio è stato guidato da uno dei principali ricercatori di cannabis medicinale, Ethan Russo, MD. [2]


Secondo i risultati di questo studio, il CBD agisce come un “agonista di modesta affinità” nel recettore 5-HT1a, il che significa che aumenta il legame con il recettore in un modo simile a quello della serotonina. Al contrario, il tetraidrocannabinolo (THC) non ha prodotto questo effetto. [2] Questo meccanismo rende il CBD un potenziale agente terapeutico nella lotta contro condizioni come l'ansia e la depressione attraverso i suoi effetti sulla serotonina.


Un altro studio ha scoperto che il CBD esercita effetti antidepressivi direttamente attraverso il sistema serotoninergico, poiché la co-somministrazione di CBD con un bloccante della serotonina ha invertito i benefici del solo CBD. [3]


Il CBD può essere usato per trattare la depressione?


Gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) agiscono inibendo la ricaptazione o la decomposizione della serotonina dal corpo. In questo modo consentono la circolazione di più serotonina. Gli SSRI comuni includono farmaci come Prozac®.


Mentre sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere meglio come i cannabinoidi possono trattare la depressione nell'uomo, il CBD è generalmente sicuro e ben tollerato, il che può essere un'opzione migliore rispetto ai farmaci con effetti collaterali significativi.


Gli studi sopra descritti sono stati condotti su modelli animali. Pertanto, studi clinici randomizzati aiuterebbero a fornire una chiara guida in questo settore.


Come sempre, parla con il tuo medico prima di usare CBD o cannabinoidi per trattare qualsiasi condizione medica.


Riferimenti


Bellono NW, et al. Le cellule di enterocromaffina sono chemosensori intestinali che si accoppiano a percorsi neuronali sensoriali. Cellula. 2017; 170 (1): 185-198.

Russo EB, et al. Proprietà agonistiche del cannabidiolo ai recettori 5-HT1a. Neurochem Res. 2005; 30: 1037-1043.

Vendite AJ, et al. L'effetto antidepressivo indotto dal cannabidiolo dipende dai livelli cerebrali di serotonina. Prog Neuropsychopharmacol Biol Psychiatry. 2018; 86: 255-261.

62 visualizzazioni