Intervista al dottor Janosh Kratz per l'importanza della cannabis terapeutica nel dolore cronico

Janosch Kratz, esperto di Cannaray, discute l'importanza della cannabis terapeutica per le malattie del dolore cronico

Continuiamo a vedere la cannabis medica in discussione a livello globale, venduta a livello globale e utilizzata a livello globale. Mentre questa ossessione ha portato migliaia di start-up a vendere i loro prodotti, che dire della comprensione generale del pubblico? Da dove iniziamo, per educare i non specialisti su ciò che la cannabis medica può e non può fare? Spetta agli specialisti della sanità navigare nel mare della ricerca. In tutto il mondo stiamo osservando un numero crescente di paesi che legalizzano i cannabinoidi per scopi medici - sempre più medici e pazienti sono ora consapevoli e interessati alla questione della cannabis e al suo uso medico. Il compito più grande di questo argomento è l'educazione su cosa sia effettivamente la cannabis, in cosa consiste e che non esiste un solo tipo di cannabis medica. A causa della mancanza di libri di medicina e linee guida, la sua assenza nel curriculum della maggior parte delle facoltà di medicina in tutto il mondo e la sua complessità può essere difficile educare ulteriormente su questo argomento. Per molti operatori sanitari, è un enorme onere trovare contenuti validi, di alta qualità e basati sulla scienza nella giungla di informazioni che riceviamo attraverso le molte pagine del World Wide Web che possono creare paura di lavorare con i cannabinoidi nella nostra medicina quotidiana pratica. Questo problema deve essere affrontato e risolto con una sempre maggiore istruzione sul sistema endocannabinoide e sulle possibilità di modularlo per scopi medici. Per capire cosa sia effettivamente la cannabis medica e in cosa consista, dobbiamo sapere che ci sono molte diverse varietà di cannabis (Cultivar) e che ognuna di esse ha il suo profilo di cannabinoidi e terpeni. Esistono oltre 110 cannabinoidi diversi e oltre 400 terpeni da soli. Le diverse proporzioni e combinazioni cambiano l'effetto e quindi il campo di applicazione medico. Questo è il motivo per cui la cannabis può essere utilizzata per tanti sintomi diversi e perché le persone con una certa condizione medica preferiscono un fitocomplesso ad un altro. Uno dei principali campi di applicazione oggi sono le malattie croniche del dolore: con la giusta combinazione di cannabinoidi e terpeni non solo il dolore può essere alleviato, ma anche ad es. la qualità del sonno e l'appetito possono essere aumentati. È interessante notare che i cannabinoidi non sembrano essere analgesici puri in senso classico, ma hanno numerose proprietà che sono di grande importanza nel dolore cronico. Ad esempio, molti pazienti riferiscono che, sebbene non siano completamente indolori, sono in grado di affrontarli meglio con la terapia con cannabis. In combinazione con una migliore qualità del sonno, questo aiuta il paziente a rimanere più attivo, ad andare al lavoro o a svolgere le sue attività quotidiane nella vita. La qualità della vita dei pazienti può quindi essere notevolmente migliorata. Diverse combinazioni di cannabinoidi e terpeni possono anche essere utilizzate per il trattamento di nervosismo, attacchi di panico, irrequietezza e disturbi dello stress. Esiste anche un potenziale terapeutico per le malattie legate allo stress come emicrania, sindrome dell'intestino irritabile, psoriasi e insonnia. Soprattutto nei pazienti anziani con disturbi d'ansia e agitazione vedo un alto potenziale di applicazione a causa della buona tollerabilità e delle interazioni farmacologiche basse. Allo Charité di Berlino è attualmente in corso un secondo studio su larga scala per studiare l'effetto antipsicotico del CBD nelle malattie psichiatriche, un nuovo campo di applicazione molto interessante. Janosch Kratz è un esperto coinvolto nel comitato scientifico consultivo di Cannaray.


29 visualizzazioni