La cannabis nel corpo, il sistema endocannabinoide (ECS)


Con la proliferazione del CBD in tutto il mondo e la crescente adozione di programmi di cannabis terapeutica in tutto il mondo, la gamma di possibili benefici dai prodotti a base di cannabis viene sempre più riconosciuta.

Allo stesso tempo, poiché questi prodotti a base di cannabis medica e miscugli di CBD stanno diventando sempre più comuni, le persone si chiedono comprensibilmente perché si sta verificando questo improvviso aumento di popolarità.

In questo blog, discutiamo gli effetti della cannabis e dei prodotti a base di cannabis sul corpo - forse spiegando questa ondata di popolarità.

Ma prima di entrare in questo, devi prima capire il sistema endocannabinoide.


Il sistema endocannabinoide.


Se dovessi riassumere il ruolo del sistema endocannabinoide in poche parole, pur riconoscendo che la ricerca intorno al sistema endocannabinoide è in corso, diresti che questo sistema è naturalmente presente nel corpo che coinvolge l'attività degli endocannabinoidi, il loro recettori ed enzimi.

Apparentemente questo sistema agisce come un sintonizzatore del rilascio di altri neurotrasmettitori all'interno del corpo e si ritiene che abbia un impatto cruciale sull'omeostasi.

Poiché ci sono molti recettori dei cannabinoidi ampiamente distribuiti in tutto il corpo, con questa distribuzione che non si limita semplicemente al sistema nervoso centrale e periferico, si ritiene che l'ECS abbia effetti di vasta portata, in particolare quando vengono introdotti cannabinoidi e prodotti a base di cannabis il mix.


Gli effetti della cannabis e dei prodotti a base di cannabis sul corpo


  1. Modulazione del dolore

La modulazione del dolore è influenzata dal sistema endocannabinoide attraverso la modulazione degli effetti degli altri neurotrasmettitori coinvolti nella risposta al dolore. Ad esempio, il sistema GABA Ergic e la noradrenalina potrebbero essere interessati. In termini pratici, ciò significa che i prodotti a base di cannabis possono essere utili per aiutare i pazienti che soffrono di dolore cronico o condizioni generalmente dolorose. La cannabis ha un valore abbastanza ben studiato per il trattamento del dolore cronico, con condizioni infiammatorie influenzate in modo particolarmente positivo dall'uso di cannabis. Anche il solo CBD è stato pubblicizzato come un buon rimedio per l'infiammazione.


  • Memoria

La cannabis ha effetti ben noti sulla memoria. Si ritiene che ciò sia dovuto al fatto che il THC nella cannabis colpisce l'ippocampo, che svolge un ruolo cruciale nei processi di memoria spaziale, a breve e lungo termine. Si pensa che il consumo di cannabis o di prodotti contenenti THC porti a problemi di memoria e problemi a formare ricordi mentre sono intossicati.Gli effetti del THC possono anche compromettere il giudizio in una certa misura, essendo spesso informato che coloro che assumono farmaci a base di cannabis non devono guidare o svolgere attività che richiedono la massima attenzione dell'utente per motivi di sicurezza.


  • Dormire

Sentirsi assonnati dopo aver consumato cannabis è un noto effetto collaterale del farmaco. Ciò è probabilmente dovuto all'aumentata segnalazione endocannabinoide all'interno del sistema nervoso centrale, che può anche indurre il sonno più in generale.


  • Stimolazione dell'appetito

Il sistema endocannabinoide ha anche un evidente effetto sulla stimolazione dell'appetito. Negli studi sugli animali con topi, quando i topi hanno eliminato il loro recettore CB1 sono più magri e meno affamati dei topi che hanno ancora quel recettore. In pratica, la cannabis medica è stata utilizzata per stimolare l'appetito quando sotto forma di Dronabinol, un medicinale usato per trattare la perdita di peso e la perdita di appetito in coloro che hanno sviluppato la sindrome da immunodeficienza acquisita (AIDS). Inoltre, sebbene tipicamente utilizzati negli studi per aiutare i pazienti con gli impatti psicologici del disturbo, i prodotti a base di cannabis possono anche essere utili per stimolare l'appetito nei pazienti con anoressia. Questo argomento richiede tuttavia una ricerca molto più approfondita.


  • Effetto omeostatico

Il sistema endocannabinoide svolge anche un ruolo nel controllo di molte funzioni metaboliche come il trasporto di nutrienti e l'accumulo di energia.

Inoltre, ci sono segnalazioni che il sistema endocannabinoide potrebbe essere coinvolto nella modulazione della sensibilità all'insulina e quindi potrebbe avere un ruolo nel trattamento di condizioni cliniche come il diabete e l'obesità (o persino l'aterosclerosi).


  • Risposta allo stress

Sappiamo che il sistema endocannabinoide svolge un ruolo nella modulazione della risposta allo stress, con ricerche attualmente in corso sull'efficacia della cannabis medica nel trattamento della salute mentale e delle condizioni psichiatriche come ansia, depressione, PTSD e disturbo ossessivo compulsivo, tra gli altri.


  • Sistemi riproduttivi

Potrebbe sorprenderti apprendere che ci sono persino recettori endocannabinoidi trovati nella vescica e in tutti i sistemi riproduttivi di entrambi i sessi.

Nelle donne, il funzionamento del sistema endocannabinoide per regolare i tempi dell'impianto embrionale, con la probabilità che l'aborto sia influenzato dal fatto che i livelli di anandamide siano troppo alti o troppo bassi.


Si consiglia di assumere prodotti a base di cannabis solo dopo aver consultato un medico

711 visualizzazioni