"Nuovi approcci nello sviluppo clinico dei farmaci cannabinoidi"

Aggiornato il: 25 set 2019

PER I NOSTRI ASSOCIATI! DIRETTAMENTE DAGLI USA




"Nuovi approcci nello sviluppo clinico dei farmaci cannabinoidi"

È stato recentemente pubblicato un opuscolo che evidenzia nuovi approcci nello sviluppo clinico delle terapie a base di cannabinoidi. L'opuscolo inizia con uno sguardo al modo in cui gli attuali cannabinoidi influenzano i pazienti in base al genere, allo stress, alle variazioni fisiologiche e approfondisce anche il modo in cui la cannabis agisce sul corpo in generale.

Una nuova terapia che presenta una versione orale di tetraidrocannabinolo (THC) e un attivatore sintetico del cannabinoide-recettore-1 (CB1) è esplorata in questo pezzo e lo incornicia come una promettente terapia futura. Le proprietà farmacologiche di queste due nuove terapie sono state ottimizzate durante lo sviluppo dopo varie tecniche di analisi, formando farmaci che gli autori sperano di vedere in futuri studi clinici.

Sebbene gli autori continuino a sperare che le loro terapie a base di cannabis raggiungeranno presto gli studi clinici, gli studi sui cannabinoidi sono difficili da testare in un ambiente formale a causa di una terribile mancanza di finanziamenti. Il governo federale elenca ancora la cannabis come sostanza di cui all'allegato I, ai sensi della legge sulle sostanze controllate, il che significa che il governo federale non sostiene l'idea che la cannabis abbia un uso medico. Considerando lo status giuridico della cannabis, solo studi finanziati privatamente possono avere luogo e, sfortunatamente, ciò lascia la ricerca sulla cannabis in un'area di completa propensione e proibizionalmente sottofinanziata. Considerando la vasta letteratura a supporto di una miriade di nuovi benefici terapeutici, questa è una realtà costosa per la salute e il benessere di milioni.

"Nuovi approcci nello sviluppo clinico dei farmaci cannabinoidi"

È stato recentemente pubblicato un opuscolo che evidenzia nuovi approcci nello sviluppo clinico delle terapie a base di cannabinoidi. L'opuscolo inizia con uno sguardo al modo in cui gli attuali cannabinoidi influenzano i pazienti in base al genere, allo stress, alle variazioni fisiologiche e approfondisce anche il modo in cui la cannabis agisce sul corpo in generale.

Una nuova terapia che presenta una versione orale di tetraidrocannabinolo (THC) e un attivatore sintetico del cannabinoide-recettore-1 (CB1) è esplorata in questo pezzo e lo incornicia come una promettente terapia futura. Le proprietà farmacologiche di queste due nuove terapie sono state ottimizzate durante lo sviluppo dopo varie tecniche di analisi, formando farmaci che gli autori sperano di vedere in futuri studi clinici.

Sebbene gli autori continuino a sperare che le loro terapie a base di cannabis raggiungeranno presto gli studi clinici, gli studi sui cannabinoidi sono difficili da testare in un ambiente formale a causa di una terribile mancanza di finanziamenti. Il governo federale elenca ancora la cannabis come sostanza di cui all'allegato I, ai sensi della legge sulle sostanze controllate, il che significa che il governo federale non sostiene l'idea che la cannabis abbia un uso medico. Considerando lo status giuridico della cannabis, solo studi finanziati privatamente possono avere luogo e, sfortunatamente, ciò lascia la ricerca sulla cannabis in un'area di completa propensione e proibizionalmente sottofinanziata. Considerando la vasta letteratura a supporto di una miriade di nuovi benefici terapeutici, questa è una realtà costosa per la salute e il benessere di milioni.

35 visualizzazioni