Preclinica mostra che CBC e CBG hanno effetti antitumorali su cellule tumorali gastrointestinali.



La società farmaceutica statunitense Cannabis farmaceuticals ha riscontrato che due cannabinoidi, cannabicromene (CBC) e cannabigerolo (CBG), mostrano proprietà antitumorali quando testati su cellule tumorali gastrointestinali umane (GCC).


A seguito di una serie di test presso la loro struttura High Through-put Screening (HTS) in Israele, Cannabics Pharmaceuticals Inc., con sede nel Maryland, ha recentemente annunciato i risultati preliminari, CTO e il co-fondatore Dr. Eyal Ballan dichiarano la visione dell'aziendasia la personalizzazione dei trattamenti contro il cancro a base di cannabinoidi.


Il dottor Ballan afferma che i tumori gastrointestinali sono tra le cause più diffuse di decessi per cancro in tutto il mondo.


Il dottor Yaakov Waksman capo della ricerca sul cannabidiolo di Cannabics (CBD) afferma che i risultati mostrano una correlazione tra l'area della superficie polare topologica dei cannabinoidi e la sua capacità di indurre attività anticancro e ridurre il tasso di vitalità delle cellule tumorali.


Cannabics ha utilizzato la piattaforma HTS durante la ricerca per testare gli effetti necrotici di vari cannabinoidi sul GCC umano.


CBC e CBG hanno dimostrato tassi significativamente più alti di necrosi nel GCC umano rispetto ad altri cannabinoidi.


Cannabics ha annunciato all'inizio di questo mese di aver firmato un Memorandum di intesa con RCK Medical Cannabis in Israele per sviluppare chemovar di cannabis volte a curare i tumori gastrointestinali.


Attraverso lo sforzo collaborativo, Cannabics e RCKMC hanno in programma di coltivare chemovar di cannabis con profili di cannabinoidi che abbiano dimostrato proprietà antitumorali in studi preclinici su tumori gastrointestinali.


Secondo Cannabics, tali ceppi saranno la fonte della genetica per lo sviluppo di ingredienti farmaceutici attivi di derivazione botanica.


Il dott. Ballan afferma che RCKMC è un pioniere della genetica e dell'allevamento delle piante la cui esperienza si sinergizzerà con le capacità cliniche di Cannabics per creare nuove basi per lo sviluppo di farmaci specifici a base di cannabinoidi.

78 visualizzazioni