Ricerca: il CBD migliora i sintomi dell'artrite nei cani


Un team di ricercatori del Baylor College of Medicine e del CBD di Medterra ha avviato uno studio sul CBD o sui potenziali effetti terapeutici del cannabidiolo nei cani con artrite. Il risultato dello studio dovrebbe aprire la strada a futuri studi sul potenziale terapeutico del CBD nell'artrite umana. L'artrite è una delle principali cause di dolore e disabilità negli Stati Uniti Fino ad ora, non esiste un trattamento assoluto per la malattia. I ricercatori hanno usato i cani come soggetti poiché la loro condizione di artrite ricorda da vicino l'artrite umana. “Abbiamo studiato i cani perché l'evidenza sperimentale mostra che i modelli spontanei di artrite, in particolare nei modelli di cani domestici, sono più appropriati per valutare i trattamenti del dolore da artrite umana rispetto ad altri modelli animali. Le caratteristiche biologiche dell'artrite nei cani assomigliano molto a quelle della condizione umana ", secondo il dott. Matthew Halpert del Baylor College. Lo studio, che è stato pubblicato sulla rivista PAIN, inizialmente ha mostrato risultati positivi per quanto riguarda il sollievo anti-infiammatorio nell'artrite di ratto. Lo studio è poi passato ai cani, che sono afflitti dall'artrite più tra gli animali domestici negli Stati Uniti Venti cani domestici furono arruolati nello studio al Sunset Animal Hospital di Houston. Ai proprietari di animali domestici sono stati somministrati in modo casuale farmaci che possono consistere in uno dei seguenti: ⦁ CBD ⦁ CBD liposomiale ⦁ farmaci placebo Questo è stato un test alla cieca in cui né i ricercatori né i proprietari di animali domestici sapevano quali farmaci venivano somministrati ai loro animali domestici. Il periodo di trattamento giornaliero dura fino a 4 settimane, dopodiché si prevede che sia i proprietari che i veterinari riferiscano sulle condizioni del cane. Alcuni dei rapporti includono il livello di dolore del cane, condizioni di corsa, andatura, emocromo e indicatori del sangue della funzionalità epatica e renale. Successivamente, le condizioni dei soggetti principali (cani) sono notevolmente migliorate, secondo le valutazioni raccolte dai proprietari di animali domestici e dal veterinario. "Abbiamo trovato risultati incoraggianti", ha detto Halpert. "Nove dei dieci cani trattati con CBD hanno mostrato benefici, che sono rimasti per due settimane dopo l'interruzione del trattamento. Non abbiamo rilevato alterazioni nei marcatori del sangue che abbiamo misurato, suggerendo che, nelle condizioni del nostro studio, il trattamento sembra essere sicuro. " I risultati positivi saranno presi in considerazione in studi futuri che coinvolgono soggetti umani.



282 visualizzazioni