Assunta, la fibromialgia e la terapia con la cannabis che la sta aiutando



Assunta ci racconta la sua esperienza da quando le è stata diagnosticata la fibromialgia a quando le è stata prescritta la cannabis terapeutica con notevoli benefici sulla sua salute!

- Ho 57 anni e dopo tanto peregrinare tra i vari specialisti nel 2008 mi è stata diagnosticata la fibromialgia , dopo un parziale sollievo, poiché finalmente era stato dato un nome alla mia patologia, ed è sopraggiunto lo sconforto nell'apprendere che non ci fosse una terapia e che non era considerata malattia ma "patologia" e che non fosse riconosciuta dal sistema sanitario.

Non descrivo tutto perché chi come me ha questo genere di malattia, almeno io la definisco tale, sa di cosa parlo, ho dovuto affrontare quotidianamente tutto quello che concerne la gestione del dolore l'incredulità dei medici e l'onta di essere definita una ipocondriaca o peggio una malata psichiatrica.

Sono riuscita in modo altalenante a gestire i sintomi e curandomi con integratori e terapie fisioterapiche, massaggi osteopata .......(ovviamente a pagamento) sino a che non sono entrata in menopausa .

Una volta in menopausa è come se mi avessero spinta in una scarpata è diventato tutto ingestibile sia dal punto di vista fisico che psicologico e devastata mi sono rivolta alla terapia del dolore.

Il medico mi ha prescritto la cannabis terapeutica personalizzata con una estrazione specifica per la fibromialgia partendo da un dosaggio base sino ad arrivare a 20 gocce al giorno per 3 volte al giorno. Mi sono sentita in parte "miracolata" perché mi ha attenuato i sintomi (sopratutto le crisi di emicrania) e mi dato la forza di affrontare la quotidianità.

All'inizio mi sentivo un po' stordita ma ora che la uso da 4 anni la sopporto benissimo, Posso guidare la macchina portando con me il piano terapeutico in caso di controllo. Me la passa il SSR in quanto sono invalida al 67% pago solo la raccomandata e spese di spedizione perché me la invia una farmacia di Milano.


597 visualizzazioni