top of page

Questa pagina nasce per raccontarci, per raccontarvi la nostra normalità, ma anche le luci e le ombre di una persona con malattie o disabilità che si vuole avvicinare alle terapie con cannabinoidi o che le usa per stare meglio, per vivere una vita più dignitosa, e che spesso si trova a combattere contro PREGIUDIZI e IGNORANZA.

Storie belle, storie brutte, storie che vogliono darci speranza e raccontarci di un mondo che vogliamo cambiare per tutti noi!

Marina, la mia vita in lotta con la fibromialgia vinta grazie alla cannabis medica




Fibromialgia? Vi dice qualcosa? perchè a me fino ad una decina di anni fà non mi diceva proprio niente! Poi è stato il mio corpo a dirmi tanto…tanto dolore da non poterne più, da perdere il sonno, da perdere la voglia di fare qualsiasi cosa e a volte da spegnermi il sorriso. Mi cominciai a sentire strana, diversa, mi fecero sentire pazza, depressa o ansiosa o semplicamente sfortunata finchè non incontrai il medico che mi fece quella “strana” diagnosi: FIBROMIALGIA. Sulla carta non faceva paura come nella vita, “che nome stupido, pensai, per una sindrome che mi fa stare così male”! E adesso che faccio? Perchè questa sindrome male ti fa stare, e tanto! Oltre i dolori articolari devastanti, l’insonnia perenne, devi combattere ogni giorno con sintomi sudboli di una malattia che ha tantissime sfaccettature e che spesso portano a confendere il tuo stato fisico con quello psicologico mettendoti ancora di più in uno stato di confusione. Trovando sulla strada chi pensa che tu sei “solo” una depressa o ansiosa e che la fibromialgia non esista e quindi ti imbottiscono di farmaci che spesso non ti risolvono il problema ma ti tolgono solo la voglia di vivere che hai sempre avuto. Iter lunghissimi, di studi medici in studi medici, incontrando chi ti ascolta e chi ti prende solo per pazza, chi tenta di curarti con fantasiose terapie e chi ti imbottisce di psicofarmaci devastandoti ancor di più. La fibromialgia è una malattia che diventa sociale perchè coinvolge anche la nostra famiglia, e spesso mi sento in colpa con i miei famigliari per non riuscire a fare più tante cose e per questo il circolo vizioso rende tutto ancora più terribile. Mi cominciarono a dare una marea di farmaci e io a subire tanti effetti collaterali, alcuni mi aiutavano per un po' di tempo e poi perdevano l'effetto, altri mi facevano subito star male. Antidepressivi offlabel, antinfiammatori di tutti i tipi fino agli oppiacei. Anni fa mi misi poi alla ricerca di terapie alternative che mi potessero aiutare, iniziai con le terme seguite da fisioterapisti e reumatologi che considerano la fibromialgia come malattia non da “curare”, perchè cura non esiste, ma da trattare per avere una vita più sopportabile, e da tempo utilizzo, seguita da alcuni medici la cannabis medica. Non posso dire di essere guarita, perchè non si guarisce, ma la qualità di vita è migliorata, riesco a dormire di nuovo, a controllare il dolore e rendere la mia vita vivibile. La prima cosa che ho sentito cambiare dopo le prime gocce è stata proprio la possibilità di tornare a dormire una notte intera, e non mi succedeva da anni.

Per alcuni potrà non sembrare tanto, per me è tutto.

Comentários


bottom of page